Dalla Redazione NPL e crediti deteriorati

Rassegna Stampa NPL del 10 settembre 2021

Banca Finint, banca d’affari privata, ha reso noto che, a valle dell’offerta vincolante presentata lo scorso mese di aprile e della conclusione della due diligence incrociata, il Consigliodi Amministrazione di Banca Consulia,istituto milanese specializzato nella
consulenza finanziaria e nei servizi di private banking e wealth management. L’operazione consentirà a Banca Finint di integrare nel gruppo le attività di private banking e wealth management che vanno ad aggiungersi all’attuale offerta nei settori del corporate & investment banking, dell’asset management e degli NPL. Leggi l’articolo.

Bain & Company, società di consulenza direzionale, ha pubblicato un report che include alcune previsioni sull’entità dei nuovi flussi di crediti deteriorati tra la fine del 2021 e il 2022.Si tratta di un intervallo temporale particolarmente delicato perché coincide con la graduale rimozione delle misure eccezionali introdotte per mitigare gli effetti della pandemia. Secondo le stime rese note in queste ore, i nuovi flussi per i paesi dell’unione europea potrebbero attestarsi su un controvalore compreso tra i 900 e i 1200 miliardi di euro. Leggi l’articolo.

Link to event page.

Dopo un quinquennio nel quale i crediti bancari caratterizzati dal maggior livello di deterioramento (NPL) hanno subito un drastico ridimensionamento (leggi il nostro articolo) si è verificato uno storico soprasso, per il quale ad oggi le esposizioni incagliate (Unlikely To Pay UTP) delle maggiori 8 banche italiane hanno ormai abbondantemente superato quelli in sofferenza. Leggi l’articolo.

Il monte dei Paschi di Siena ha reso noto che Amco, società controllata dal ministero del tesoro, sta lavorando a una due diligence per la valutazione dei crediti deteriorati classificati come Stage 2. Si tratta delle esposizioni che presentano il rischio più elevato di deterioramento, anche se al momento risultano ancora classificate come in bonis (performing). Leggi l’articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X