Il gruppo Prelios, tra i maggiori player europei nei settori dell’alternative asset management e dei servizi real estate ad alto valore aggiunto, ha approvato i risultati del primo semestre 2022.

Tra i risultati dei primi sei mesi del 2022, raffrontati con il medesimo periodo del 2021, si evidenziano:
• Ricavi consolidati pari a 152,2 €/milioni, in crescita del +17% rispetto ai 130,5 €/milioni nel 2021;
• EBITDA consolidato pari a 71,5 €/milioni che registra una forte progressione (+18%) rispetto ai 60,8 €/milioni dello stesso periodo del 2021, a conferma del percorso di crescita della redditività del Gruppo;
• EBITDA margin consolidato al 47% nei primi sei mesi del 2022, in ulteriore miglioramento rispetto al dato del 46% registrato nell’esercizio 2021, che rafforza Prelios tra i top performer europei del settore;
• Risultato netto consolidato pari a 44,5 €/milioni. Il dato presenta una riduzione di 10,2 €/milioni rispetto al primo semestre del 2021 che però incorporava componenti non ricorrenti relative a benefici fiscali la cui assenza nel 1° semestre 2022 si è tradotta in maggiori imposte per 20,2 €/milioni;
• Posizione Finanziaria Netta al 30 giugno 2022 pari a 222,7 €/milioni con un Net Leverage Ratio di 1,6x, in miglioramento rispetto al dato del 1° semestre 2021 (PFN a 261,8 €/milioni e Net Leverage Ratio 2,3x);
• Asset under Management a 41,4 €/miliardi, in netta crescita rispetto sia al dato di 37,2 €/miliardi del 1° semestre 2021, sia al dato dell’intero esercizio 2021 pari a 39,4 €/miliardi. Lo stock in gestione ha beneficiato del contributo di nuove masse nei primi sei mesi del 2022 per un totale di circa 4 €/miliardi (1,9 €/miliardi nello stesso periodo del 2021), di cui circa 2,4 €/miliardi dalla gestione NPE e 1,7 €/miliardi dall’investment management, a fronte dell’impatto delle attività di
collection e cessioni dei crediti deteriorati in gestione, che hanno generato maggiori incassi rispetto alle previsioni

Il CEO del Gruppo Prelios, Riccardo Serrini, ha commentato come segue: “I primi sei mesi dell’anno registrano risultati eccellenti, che confermano ancora una volta la bontà della scelta strategica di sviluppare un modello di business ‘asset light’ basato su una piattaforma integrata e pienamente scalabile, e di saper interpretare i trend del real estate e del credito consolidando, anno dopo anno, un percorso di crescita solida e sostenibile. La crescita responsabile e il successo nell’innovazione possono essere soltanto il risultato di un grande lavoro di squadra e di una cultura aziendale improntata alla collaborazione, all’inclusione e al rispetto delle persone”.

 

 

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X