Dalla Redazione NPL e crediti deteriorati

Goldman: giudizio positivo sulle banche europee

Nel corso di  un’intervista rilasciata alla Cnbc Jernej Omahen, responsabile della divisione di ricerca sulle istituzioni finanziarie europee di Goldman Sachs ha dichiarato che, con riferimento alle banche europee, gli NPL ratio sono in calo su base annua, di conseguenza Le banche europee oggi versano in condizioni migliori rispetto a quelle di inizio pandemia Covid-19.

Altro elemento di particolare rilievo è costituito dal sostegno fiscale e monetario per l’economia e per le aziende.

L’impatto della crisi pandemica sulle banche è stato di conseguenza molto diverso da quello delle crisi del 2008 e del 2011. Da quelle crisi gli istituti di credito uscirono con una grande mole di crediti deteriorati (NPL), che poi smaltirono attraverso una decisa operazione di de-risking.

Gli ultimi dati sugli NPL delle banche europee stilati dalla Bce mettono in evidenza che i crediti deteriorati sono scesi da un picco di oltre 1000 miliardi del 2016 a 550 miliardi di euro circa di metà 2020. Il livello rappresenta quasi il 3% di tutto il valore dei prestiti erogati dal sistema bancario europeo a metà 2020.

Troppo presto tuttavia per cantare vittoria? La supervisione bancaria della Bce ha avvertito già mesi fa che “la crisi economica provocata dalla pandemia del coronavirus scatenerà probabilmente un forte aumento degli NPL: in base a uno scenario grave ma plausibile gli NPL potrebbero arrivare a toccare livelli fino a 1400 miliardi di euro entro la fine del 2022”.

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X