Dalla Redazione Investor, servicer e debt buyer NPL e crediti deteriorati

Davidson Kempner acquista portafoglio da 10,8 miliardi da Alpha Bank

Alpha Bank, secondo istituto di credito della Repubblica Ellenica, venderà un portafoglio di 10,8 miliardi di euro (13,09 miliardi di dollari) di crediti deteriorati e l’80% della società di servicing Cepal Holdings al fondo americano Davidson Kempner in base a un accordo definitivo annunciato lunedì.

L’accordo dovrebbe ridurre i NPE e NPL  ratio dell’istituto rispettivamente al 24% e 13% dal 43% e 29% di settembre 2020.

L’accordo prevede che la banca venda il 51% delle note di cartolarizzazione mezzanine e junior del portafoglio di NPE da 10,8 miliardi di euro insieme all’80% della controllata Cepal Holdings per il servizio dei prestiti.

Vassilios Psaltis, CEO di Alpha Bank, ha dichiarato: “Siamo entusiasti di stipulare un accordo a lungo termine per Project Galaxy con Davidson Kempner, un investitore statunitense di grande esperienza. Questo è un punto di svolta per la nostra banca, in quanto stiamo facendo un passo decisivo nell’affrontare definitivamente i problemi di qualità degli asset ereditati dalla lunga recessione in Grecia.
Nonostante le condizioni senza precedenti che abbiamo vissuto a causa di Covid, siamo orgogliosi di essere riusciti a firmare una transazione così complessa in soli otto mesi dal lancio, ad attrarre un significativo interesse degli investitori internazionali e a soddisfare pienamente il nostro target di capitale per questa operazione. Alpha Bank continua ora con un’attenzione indivisa ad attuare l’ultimo miglio della sua strategia di de-risking e a portare avanti l’attuazione del suo piano di trasformazione in modo da cogliere opportunità di crescita superiori”.

 

Redazione Credit Village

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X