DBRS Morningstar ha pubblicato il commento annuale sulla performance delle sue cartolarizzazioni di non performing loan (NPL) europee con rating pubblico.

A seguito dell’epidemia di Coronavirus (COVID-19) nel primo trimestre del 2020, il settore europeo degli NPL ha subito notevoli perturbazioni. Gli effetti della pandemia sul sistema giudiziario, ad esempio, hanno ritardato il processo di recupero e hanno influito negativamente sulla performance (misurata rispetto alle aspettative iniziali dei servicer) dei portafogli NPL esistenti, inducendo i servicer a formulare opinioni più conservative sulle loro aspettative di recupero.

In generale, l’andamento della performance delle cartolarizzazioni di NPL è influenzato da una serie di fattori. Oltre a questioni specifiche di onboarding che possono influenzare la transazione al momento dell’emissione (ad esempio, il tempo necessario al servicer speciale per l’onboarding di nuovi portafogli e le potenziali complessità legate alla migrazione dell’attività di recupero), gli aumenti e le diminuzioni dei prezzi del mercato immobiliare e la lunghezza del processo di recupero giudiziario sono stati storicamente tra i principali fattori che hanno causato la variabilità della performance.

Nonostante gli sforzi dei governi locali per snellire il quadro giuridico, come osservato negli ultimi anni, le differenze di tempistica tra i tribunali delle diverse località possono essere rilevanti a causa del sovraccarico procedurale. In seguito alla diffusione della pandemia, l’arretrato nei sistemi giudiziari è aumentato ulteriormente a causa delle misure restrittive imposte dalle autorità locali (ad esempio, la chiusura dei tribunali) che, in combinazione con altre misure straordinarie (ad esempio, moratorie su alcune azioni di pignoramento, ecc.), hanno causato notevoli interruzioni nel processo di recupero legale, con conseguenti effetti sui tempi di risoluzione.

A parte alcune eccezioni, la performance delle transazioni di NPL europei emessi prima della pandemia si è deteriorata con il diffondersi della pandemia. Sebbene il deterioramento della performance sia proseguito nel 2021 e nella prima metà del 2022, si è verificato a un ritmo molto più lento, con alcune transazioni che hanno addirittura invertito la loro tendenza al ribasso durante questo periodo.

Al contrario, le transazioni chiuse dopo l’inizio della pandemia hanno generalmente registrato una performance molto forte dalla chiusura. Poiché la composizione del portafoglio di queste transazioni è rimasta coerente rispetto alle transazioni precedenti, uno dei fattori che hanno determinato la differenza di performance è stato il modo in cui i servicer hanno modificato le loro aspettative. I tempi previsti per le ipotesi di recupero giudiziario sono stati generalmente aumentati per riflettere la minore velocità dei procedimenti legali e delle aste immobiliari. Inoltre, i valori degli immobili residenziali hanno registrato un recente aumento nelle giurisdizioni rilevanti per le cartolarizzazioni di NPL europei.

Complessivamente, a livello di incassi lordi, 28 delle 46 transazioni NPL con rating pubblico di DBRS Morningstar oggetto del presente rapporto (34 italiane, tre spagnole, tre portoghesi, quattro irlandesi, una cipriota e una britannica, con rating fino al primo trimestre del 2022) hanno registrato una performance negativa rispetto alle aspettative iniziali dei servicer sulla base delle ultime informazioni disponibili alla data del presente rapporto. Tuttavia, se si considerano solo le transazioni emesse dall’inizio della pandemia, su un totale di 20 transazioni (13 italiane, due spagnole, due irlandesi, una portoghese, una cipriota e una britannica), solo cinque mostrano una performance inferiore alle aspettative iniziali dei servicer.

In Italia: tutte le transazioni valutate prima della pandemia sono sottoperformanti e in generale hanno continuato a sottoperformare negli ultimi 12 mesi, ma a un ritmo più lento. Le transazioni valutate dopo l’inizio della pandemia sono in media sovraperformanti. Per la maggior parte delle transazioni, tuttavia, gli indici di redditività sono ancora superiori al 100%, per cui, dato che i livelli di recupero delle pratiche di prestito chiuse sono ancora positivi, la sottoperformance è dovuta principalmente a ritardi imprevisti nei recuperi.

A seguito delle continue cessioni effettuate dalle banche locali, lo stock di NPL italiani nei bilanci delle banche si è ridotto nel tempo fino a 59,9 miliardi di euro nel primo trimestre del 20221 , pari a circa il 15,6% dell’esposizione totale europea agli NPL. Coerentemente con questa tendenza, abbiamo osservato un miglioramento dell’NPL ratio, pari al 3,0% a marzo 20221 , rispetto al 4,0% di marzo 2021 e alla media dell’1,9% a livello europeo per lo stesso periodo.

 

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X