Dalla Redazione

Smartworking: impatto sulle quotazioni degli uffici

DBRS ha pubblicato un commento sul settore degli uffici in Europa e sull’impatto degli uffici nei CMBS in seguito alle sfide della pandemia di Coronavirus (COVID-19) e alle tendenze in evoluzione dei modelli di lavoro flessibili.

Il numero di occupazioni di uffici in Europa ha mostrato segni di ripresa dopo la pandemia e le transazioni CMBS europee sostenute da asset di uffici hanno avuto un andamento ampiamente positivo. Al momento, il settore degli uffici si trova in una fase di transizione, in quanto le aziende stanno elaborando un modello di lavoro ottimale. In prospettiva, DBRS Morningstar prevede che un modello di lavoro ibrido, misurato in base alle presenze del personale, porterà a un calo della domanda di spazi per uffici; tuttavia, poiché il mercato del lavoro è forte e i tassi di disoccupazione sono bassi, questo calo della domanda di spazi sarà probabilmente compensato da un aumento degli spazi comuni, poiché le aziende cercano ancora di attrarre nuovi talenti.

Sempre più spesso le credenziali ambientali (e sociali) degli edifici fungeranno da “elemento di differenziazione” per la domanda degli inquilini, mentre l’ubicazione continuerà a essere importante. DBRS Morningstar valuta nove operazioni CMBS europee garantite da uffici per un totale di 1,9 miliardi di euro in sette transazioni e 559 milioni di sterline in due transazioni britanniche (all’emissione). Con l’eccezione di FROSN-2018 DAC, le transazioni CMBS europee per uffici con rating DBRS Morningstar hanno continuato a registrare buone performance dall’emissione e nel corso della pandemia, senza alcun impatto significativo sulle metriche degli asset sottostanti e sui covenant dei prestiti.

Sebbene il calo delle presenze negli uffici e l’aumento dei tassi di sfitto suggeriscano una tendenza al ribasso del mercato, i numeri riportati si spiegano in gran parte con l’assenza di movimenti di occupanti durante il periodo di blocco, che ha causato ritardi nell’acquisizione da parte degli occupanti e un leggero aumento dell’offerta. Riteniamo che le infrastrutture, i servizi circostanti e l’attenzione per gli edifici con credenziali verdi o sociali giocheranno un ruolo molto più importante nel riportare le persone negli uffici”, ha dichiarato Dinesh Thapar, vicepresidente di European CMBS presso DBRS Morningstar.

DBRS Morningstar ritiene che le prospettive di credito per le transazioni CMBS garantite da immobili a uso ufficio rimangano stabili, con alcuni venti contrari che non si riflettono ancora nei dati. La pandemia ha cambiato bruscamente i comportamenti dei lavoratori d’ufficio e alcuni di loro sono ancora legati alla flessibilità del lavoro da casa. I datori di lavoro stanno incoraggiando i lavoratori a tornare in ufficio con un approccio “bastone e carota”. Spazi ecologici con infrastrutture migliori e moderne sono l’approccio più morbido osservato in alcune giurisdizioni europee.

D’altro canto, l’aumento del costo della vita e alcune abitudini di lavoro da casa sono difficili da superare in un mercato in cui si offrono più posti di lavoro e la disoccupazione è ai minimi storici. DBRS Morningstar prevede che, mentre la domanda di spazi per uffici è destinata a diminuire, la domanda degli occupanti per uffici di grado A, intelligenti e sostenibili, crescerà e la durata dei contratti di locazione per questo tipo di prodotti rimarrà lunga.

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X