Dalla Redazione

Fintech e lavoro, il Report di CFTE

Il CFTE Centre for Finance Technology and Enterprenurialship ha publicato un report dal titolo The Fintech Job Report con l’obiettivo di fornire una panoramica dei posti di lavoro offerti dalle aziende Fintech, di analizzare le competenze necessarie per aziende, analizzare le competenze richieste per entrare a far parte di questo nuovo settore e discutere delle conseguenze per gli individui e le ramificazioni per l’industria.
Più in generale, dato che la finanza digitale è in rapida crescita, si stanno creando nuovi ruoli mentre altri diventano obsoleti. Ciò richiede una rinnovata consapevolezza delle opportunità derivanti dalla crescita delle Fintech per chi cerca lavoro, per le organizzazioni che assumono, governi, autorità di regolamentazione e istituti di istruzione superiore.
Poiché il Fintech è un settore in rapido sviluppo, trovare e analizzare dati rilevanti e aggiornati sarà sempre una sfida. dati pertinenti e aggiornati si rivelerà sempre una sfida. Tuttavia, l’analisi dei dati quantitativi e dati quantitativi e qualitativi, combinata con la conoscenza del settore da parte di CFTE, dovrebbe fornire ai lettori una buona una buona comprensione delle tendenze del lavoro nel settore Fintech oggi.
Come sottotitolo per la ricerca è stato scelto il claim “La tecnologia si sta mangiando la finanza” perché le aziende Fintech sono generalmente aziende tecnologiche piuttosto che istituzioni finanziarie.
Tra i principali risultati del report si può evidenziare che:
– L’industria Fintech è un importante datore di lavoro. Se il settore Fintech fosse una piazza finanziaria, in una classifica per numero di posti di lavoro si collocherebbe in terza posizione, subito dopo New York e Londra.
Le aziende del settore Fintech stanno assumendo in modo aggressivo. Le principali aziende Fintech stanno cercando di assumere 40.000 professionisti.
– I posti di lavoro nel settore Fintech non sono ancora standardizzati: sono offerti da aziende giovani e in rapida crescita, che creano la loro organizzazione e le loro strutture lavorative man mano che crescono. I titoli delle mansioni, i requisiti e le responsabilità tendono quindi a variare da un’organizzazione all’altra.
– Le posizioni lavorative possono classificate come “generiche”, “tecniche” o “finanziarie”. Essendo un settore che riunisce tecnologia e finanza, la maggior parte dei lavori rientra in una di queste 3 categorie:
1) Lavori che di solito si trovano nelle aziende tecnologiche
2) Lavori solitamente nei servizi finanziari.
3) Lavori che si trovano in tutte le aziende
– I lavori “tecnologici” sono predominanti nel settore Fintech. Il 70-90% dei posti di lavoro non generici in Fintech sono lavori che normalmente si trovano nelle aziende tecnologiche. I lavori nel settore finanziario sono molto meno frequenti nelle Fintech.
– Le competenze specifiche sono importanti, ma non sufficienti. Le competenze dure, come la programmazione o la Data Sciene sono le prime cose che vengono in mente quando si pensa al Fintech , ma ci sono molti altri requisiti di hard skill a seconda dei ruoli lavorativi. È interessante notare che il mindset, le soft skill e la conoscenza del settore sono ugualmente importanti per le aziende Fintech, ma di solito vengono trascurati dai candidati.
– Le competenze trasferibili per entrare nel settore Fintech sono più “Tech” che “Fin”. Anche se una comprensione comprensione della finanza è utile nel Fintech, non è il requisito principale per le aziende Fintech. per le aziende Fintech. Le competenze digitali, la comprensione delle Fintech e la mentalità imprenditoriale tendono a essere più ricercate dai selezionatori.
– I lavori nel settore Fintech e nella finanza tradizionale sono destinati a convergere. Sebbene le professioni Fintech sono oggi molto diverse da quelle della finanza tradizionale, la convergenza di entrambe nella finanza digitale porterà probabilmente a una convergenza anche dei ruoli lavorativi. La principale differenza tra i ruoli in entrambi i tipi di organizzazioni è la cultura e la mentalità dei dipendenti. mentalità dei dipendenti, ed è da vedere se ci sarà una convergenza anche in questo anche in quest’area.

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X