Dalla Redazione Fintech

Evoluzione Fintech la sfida per i regolatori.

In un editoriale recente del blog del Fondo Monetario Internazionale è stato evidenziato come l’affermarsi di alcune realtà del mondo Fintech si stiano rapidamente affermando ed abbiano la tendenza ad assumere rischi maggior rispetto alle banche tradizionali.

La tecnologia a volte si muove ad un ritmo vertiginoso. Quando si tratta di innovazione nelle attività finanziarie, spesso chiamate FinTech, il mondo sta vedendo grandi progressi. Per le banche, FinTech sconvolge i servizi finanziari di base e le spinge a innovare per rimanere rilevanti. Per i consumatori, significa un accesso potenzialmente più ampio a servizi migliori. Questi cambiamenti aumentano anche la posta in gioco per i regolatori e i supervisori – mentre la maggior parte delle singole imprese FinTech sono ancora piccole, possono scalare molto rapidamente sia sui clienti più rischiosi che sui segmenti di business dei prestatori tradizionali.

Questa combinazione di rapida crescita e crescente importanza dei servizi finanziari FinTech per il funzionamento dell’intermediazione finanziaria può comportare dei rischi a livello di sistema, come evidenziato nell’ultimo Global Financial Stability Report pubblicato dal fondo.

Le banche digitali stanno crescendo in importanza sistemica nei loro mercati locali. Conosciute anche come neobank, sono più esposte delle loro controparti tradizionali ai rischi derivanti dai prestiti al consumo, che di solito hanno meno buffer contro le perdite perché tendono ad essere più non collateralizzati. La loro esposizione si estende anche a una maggiore assunzione di rischi nel loro portafoglio titoli, così come a maggiori rischi di liquidità (in particolare, le attività liquide detenute dalle neobank rispetto ai loro depositi tendono ad essere inferiori a quelle che sarebbero detenute dalle banche tradizionali).

Questi fattori creano anche una sfida per i regolatori: i sistemi di gestione del rischio e la resilienza generale della maggior parte delle neobank non sono stati testati in una recessione economica.

Non solo le imprese FinTech si assumono più rischi, ma esercitano anche una pressione sui rivali di lunga data del settore. Guardate per esempio gli Stati Uniti, dove gli originatori di mutui FinTech seguono una strategia di crescita aggressiva nei periodi in cui i prestiti per la casa sono in espansione, come durante la pandemia. La pressione competitiva delle imprese FinTech ha danneggiato significativamente la redditività delle banche tradizionali, e questa tendenza è destinata a continuare.

Un’altra innovazione tecnologica, che è cresciuta rapidamente negli ultimi due anni, è la finanza decentralizzata, una rete finanziaria basata sulle criptovalute senza un intermediario centrale. Conosciuta anche come DeFi, offre il potenziale di fornire servizi finanziari più innovativi, inclusivi e trasparenti grazie a una maggiore efficienza e accessibilità.

Tuttavia, la DeFi comporta anche l’accumulo di leva finanziaria, ed è particolarmente vulnerabile al mercato, alla liquidità e ai rischi informatici. I cyberattacchi, che possono essere gravi per le banche tradizionali, sono spesso letali per queste piattaforme, rubando asset finanziari e minando la fiducia degli utenti. La mancanza di assicurazione dei depositi in DeFi si aggiunge alla percezione che tutti i depositi siano a rischio. Storicamente, grandi ritiri di clienti spesso seguono le notizie di cyberattacchi ai provider.

Le attività del DeFi si verificano principalmente nei mercati di cripto-asset, ma la crescente adozione da parte degli investitori istituzionali ha rafforzato i legami con le istituzioni finanziarie tradizionali. In alcune economie, il DeFi sta aiutando ad accelerare la criptoizzazione, in cui i residenti abbracciano le criptovalute invece della valuta locale.

Man mano che più attività di servizi finanziari si sposta dalle banche regolamentate a entità e piattaforme con poca o nessuna supervisione, lo stesso vale per i rischi associati. Nonostante le FinTech si facciano avanti per sfidare le banche tradizionali sul loro stesso campo di gioco, esse portano più della concorrenza. Infatti, le due cose spesso rimangono intrecciate, anche attraverso la fornitura di liquidità e leva finanziaria da parte delle banche alle FinTech.

Queste pongono delle sfide alle autorità finanziarie sotto forma di arbitraggio normativo (in cui le imprese si spostano o creano operazioni in settori e regioni meno regolamentati) e di interconnessione che può richiedere un’azione di supervisione e regolamentazione, compresa una migliore protezione dei consumatori e degli investitori.

Sono necessarie politiche che si rivolgono sia alle imprese FinTech che alle banche tradizionali in modo proporzionale. In questo modo, le opportunità che le FinTech offrono sono promosse, mentre i rischi sono contenuti. Per le neobanche, questo significa un capitale più forte, liquidità e requisiti di gestione del rischio commisurati ai loro rischi. Per le banche storiche e altre entità consolidate, la supervisione prudenziale potrebbe richiedere una maggiore attenzione alla salute delle banche meno avanzate tecnologicamente, poiché i loro modelli di business esistenti potrebbero essere meno sostenibili nel lungo termine.

L’assenza di entità di governo significa che la DeFi è una sfida per una regolamentazione e una supervisione efficaci. Qui, la regolamentazione dovrebbe concentrarsi sulle entità che stanno accelerando la rapida crescita della DeFi, come gli emittenti di stablecoin e gli scambi centralizzati di criptovalute. Le autorità di vigilanza dovrebbero anche incoraggiare una governance robusta, compresi i codici industriali e le organizzazioni di autoregolamentazione. Queste entità potrebbero fornire un condotto efficace per la supervisione regolamentare.

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X