Dalla Redazione NPL e crediti deteriorati

EBA Risk Dashboard NPL Ratio in calo

L’Autorità bancaria europea (EBA) ha pubblicato il suo Risk Dashboard per il secondo trimestre (Q2) del 2021. I dati indicano che le banche stanno beneficiando della ripresa economica, con un RoE che rimane sostanzialmente simile al trimestre precedente. I coefficienti di capitale sono rimasti stabili e c’è stato un ulteriore calo dei rapporti NPL. I rischi operativi rimangono elevati, soprattutto a causa dei rischi informatici e delle TIC.

Il rapporto NPL aggregato ha continuato a diminuire, raggiungendo il 2,3% alla fine del T2. A causa dell’impatto disomogeneo della pandemia sulle imprese, i dati a livello settoriale confermano una crescente divergenza della qualità degli attivi. Per i servizi di alloggio e ristorazione, il rapporto NPL è salito ulteriormente dal 9% al 9,6% trimestre su trimestre (QoQ) e per arti, spettacoli e tempo libero dal 7,9% all’8,2%. I prestiti forborne sono aumentati ulteriormente e sono aumentati del 3,7% nel Q2. Il rapporto di forbearance è aumentato di conseguenza di 10 punti base al 2,1% nel Q2. Il rapporto di fase 2 è sceso dal 9,0% all’8,8% nel 2° trimestre.

La redditività è stata più o meno stabile. Il RoE è sceso al 7,4% nel 2° trimestre 2021 dal 7,7% del trimestre precedente, con l’estremità inferiore del 5° percentile che si è spostata ulteriormente in territorio negativo. In media, le banche hanno beneficiato della ripresa economica, il che si è tradotto anche in minori svalutazioni e in un aumento delle commissioni. Il reddito netto da interessi non ha mostrato alcun beneficio importante dagli sviluppi economici positivi, e il margine di interesse netto (NIM) è rimasto stabile a 124 pb. Ci sono indicazioni di un aumento delle spese operative in seguito alla ripresa delle modalità di lavoro precedenti alla pandemia, tra cui il ritorno in ufficio, la ripresa di alcuni viaggi di lavoro e misure simili.

Le banche hanno mantenuto forti livelli di capitale. Il CET1 ratio medio è rimasto invariato al 15,5% su base fully loaded nel 2° trimestre 2021, tra un aumento parallelo del capitale CET1 e delle attività ponderate per il rischio (RWA). L’indice di leva finanziaria è aumentato dal 5,6% nel 1° trimestre 2021 al 5,7% nel 2° trimestre 2021 su base fully loaded, riflettendo un aumento del capitale e una leggera diminuzione delle attività totali nel trimestre.

Il Liquidity Coverage Ratio (LCR) è rimasto elevato. L’LCR è sceso dal 173,6% nel 1° trimestre al 172,4% nel 2° trimestre 2021. La sua dispersione mostra che l’estremità inferiore del 5° percentile dell’LCR rimane ben al di sopra del 100%. La contrazione del rapporto prestiti/depositi è proseguita, raggiungendo il 108,9% nel T2 (110,9% nel T1) a causa di un forte aumento dei depositi della clientela. Nel complesso, questi ultimi sono aumentati, ma con tendenze divergenti per le famiglie e le società non finanziarie (SNF). D’altra parte, i depositi delle famiglie hanno continuato la loro tendenza all’aumento, mentre i depositi delle SNF sono diminuiti. L’aumento relativamente forte dell’indice di indebitamento delle attività nel trimestre precedente si è nuovamente appiattito, passando leggermente dal 28,8% del T1 al 29,1% del T2 2021.

La qualità delle esposizioni sotto moratoria e PGS si è ulteriormente deteriorata. Mentre i prestiti nell’ambito delle moratorie EBA ammissibili sono diminuiti di 80 miliardi di euro nel 2° trimestre a 123,4 miliardi di euro, i prestiti PGS sono rimasti pressoché stabili a circa 377 miliardi di euro. Il rapporto NPL è aumentato dal 3,9% al 4,5% per i prestiti sottoposti a moratorie in corso, dal 4,5% al 4,7% per i prestiti in scadenza e dall’1,4% al 2,0% per i prestiti PGS. Nel 2° trimestre 2021, la quota di prestiti di fase 2 è aumentata di 1p.p. al 28,2% per i prestiti attualmente in moratoria, mentre ha raggiunto il 24,4% (dal 23,6% del trimestre precedente) per i prestiti con moratoria scaduta. Per le esposizioni PGS è passato dal 13,6% al 18,5%.

I rischi informatici e legati alle TIC rimangono elevati, anche se non è stato segnalato alcun attacco informatico di rilievo. Tra i livelli più elevati di online banking e di lavoro a distanza, nonché la maggiore dipendenza da fornitori terzi, i sistemi ICT delle banche rimangono vulnerabili a interruzioni significative delle loro operazioni. Anche i rischi legati alla condotta rimangono elevati, derivanti da aree come le misure di supporto COVID-19 o le imminenti sostituzioni LIBOR e EONIA. Inoltre, fattori e considerazioni ambientali, sociali e di governance (ESG) affrontati in modo inadeguato possono avere un impatto sulle controparti degli istituti o sugli asset investiti e aumentare il rischio di condotta.

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X