Banche, Originator e Imprese Scelti per voi

Banche, cadono i paletti Bce: ai soci 6 miliardi di cedole extra

Le banche italiane si apprestano a riaprire il portafoglio e dare nuovamente soddisfazione ai loro azionisti. E sono pronte a distribuire nel complesso più di cinque miliardi di euro. Dopo il lungo digiuno legato alla pandemia, da domani scade infatti ufficialmente la raccomandazione allo stop alla distribuzione dei dividendi dalla Banca Centrale Europea, misura introdotta all’indomani dello scoppio della crisi da Covid-19.

E così, dopo un anno e mezzo di stop, interrotto a maggio con un assaggio “concesse” da Francoforte, sono circa sei i miliardi che nel complesso arriveranno quest’anno nelle tasche degli azionisti. A far la parte del Leone sarà come da previsioni Intesa Sanpaolo. Il gruppo guidato daCarlo Messina metterà sul tavolo complessivamente circa 4 miliardi di euro in dividendi cash. Il gruppo bancario ha convocato per il 14 ottobre l’assemblea straordinaria dei soci: in quell’occasione sarà autorizzata la distribuzione di una cedola extra da 1,9 miliardi sul risultato 2020, pari a 9,96 centesimi per azione ordinaria, che verrà liquidata il 18 ottobre. Un monte dividendi che va ad aggiungersi ai 694 milioni già pagati a maggio. «Sono risorse per il territorio e per i piccoli azionisti», ha detto ieri il presidente della banca Gian Maria Gros-Pietro.

Ca’ de Sass tuttavia non si ferma qua. Lo scorso agosto il board di Intesa aveva infatti concordato in via preliminare di distribuire un acconto cash a valere sui risultati del 2021 pari a 1,4 miliardi di euro. Se tutto filerà liscio, la delibera avverrà il prossimo 3 novembre, quando saranno approvati risultati consolidati al 30 settembre 2021. Il tutto, ovviamente, in assenza di eventuali controindicazioni derivanti dai risultati del terzo trimestre 2021 o da quelli prevedibili per il quarto trimestre 2021. Con quell’acconto (pari 0,0721 euro per azione, in pagamento il 24 novembre con stacco cedola il 22), Intesa vedrà così confermato il target di un payout pari al 75% sul 2020 e del 70% sul 2021.

Non c’è però solamente Intesa nel panorama di banche pronte a rinfrancare i soci. Altro gruppo di…

Fonte: Il Sole 24 Ore

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X