Dalla Redazione Fintech

VISA ha acquisito Tink piattaforma Svedese di open banking

Visa Inc (V.N) ha detto reso nota l’ acquisizione da 1,8 miliardi di euro (2,2 miliardi di dollari) della piattaforma bancaria aperta europea Tink, mesi dopo aver abbandonato una prevista acquisizione della rivale statunitense Plaid.

Fondata nel 2012, la svedese Tink permette alle banche e ad altre imprese finanziarie di condividere e accedere ai dati finanziari dei consumatori più facilmente. È usato da più di 3.400 banche e altre istituzioni, così come oltre 250 milioni di clienti in Europa.

Visa ha terminato un accordo pianificato da 5,3 miliardi di dollari con la piattaforma statunitense di condivisione dei dati Plaid a gennaio, a seguito di una causa del governo statunitense volta a bloccare l’accordo per motivi antitrust.

Le regole dell’Unione Europea sull’open banking richiedono alle banche di permettere l’accesso ai dati dei clienti da parte di fornitori terzi registrati per aumentare la concorrenza.

Il lancio delle regole ha fornito terreno fertile per le fintech, come Tink, che forniscono la tecnologia per aiutare le terze parti e le banche ad accedere ai dati dei clienti.

Alcuni esperti di tecnologia finanziaria hanno detto che l’acquisizione di Tink potrebbe affrontare preoccupazioni antitrust, simili all’affare fallito di Plaid.

“L’Europa è un mercato bancario aperto molto diverso dagli Stati Uniti”, ha detto Simon Taylor, capo delle imprese e co-fondatore della società di consulenza fintech 11:FS. “Ma Tink è uno dei più grandi attori, e molte delle preoccupazioni che hanno portato all’indagine sull’affare Plaid-Visa possono applicarsi qui”.

L’accordo fa parte della spinta di Visa a diversificare le entrate oltre i pagamenti con carta di credito, dove è uno dei giocatori dominanti del mondo. Le società di carte di credito hanno affrontato una maggiore pressione da parte dei regolatori sulle commissioni, soprattutto in Europa.

Se completata, la transazione potrebbe segnare un altro successo per il settore delle startup della tecnologia finanziaria svedese che ha creato diverse grandi aziende negli ultimi anni.

La società Buy now pay later Klarna è stata valutata 46 miliardi di dollari nel suo ultimo round di raccolta fondi all’inizio di questo mese, mentre la startup di pagamenti iZettle è stata acquisita da PayPal Holdings Inc (PYPL.O) per 2,2 miliardi di dollari nel 2018.

“Con Tink e iZettle, la Svezia ha ora prodotto due delle più grandi uscite M&A fintech in Europa”, ha detto Josh Bell, partner generale di Dawn Capital, una società di venture capital che ha sostenuto entrambe le aziende.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X