Fintech Scelti per voi

Credimi: al via “Perseveranza”, 200 milioni di euro per sostenere le PMI italiane pronte a ripartire

Credimi finanzia la ripresa delle imprese italiane grazie ad una  cartolarizzazione da 200 milioni di euro. L’operazione, che si chiamerà “Perseveranza”, proprio per  sottolineare la forza e la determinazione che le Piccole Imprese italiane stanno mettendo nel  trasformarsi per superare anche questa crisi, porta il totale della raccolta di Credimi a 620 milioni di
euro negli ultimi 12 mesi, rafforzando ulteriormente la posizione di più grande digital lender per le  PMI, sia in Italia che nell’Unione Europea (fonte: P2P Market Data).
Perseveranza è stata sviluppata con la partecipazione di primari operatori del settore finanziario.
Prendono infatti parte all’operazione in veste di Senior Noteholder della cartolarizzazione Banco BPM e Intesa Sanpaolo, che con la Divisione IMI Corporate & Investment Banking ha condiviso con Banca  Akros il ruolo di Arranger, BNP Paribas Securities Services in qualità di Account Bank e Paying Agent,  Banca Finint quale Servicer, Corporate Servicer, Calculation Agent e Representative of the  Noteholders. Gattai Minoli Agostinelli e Jones Day gli studi legali che hanno seguito l’operazione.

Secondo l’Osservatorio Piccole Imprese Italiane lanciato da Credimi, con il supporto operativo di Nextplora, molte piccole aziende per far fronte alla crisi sono orientate verso soluzioni difensive, che  prevedono nella maggior parte dei casi la riduzione degli investimenti. C’è però un 10% di  imprenditrici e imprenditori che ha intenzione di sfidare il Covid mantenendo i propri piani di crescita investendo in digitalizzazione (lo dichiara il 16% delle imprese dell’industria, il 21% di quelle del  commercio e il 28% dei servizi), in ricerca e sviluppo (secondo il 20% delle aziende dell’industria, 17%  servizi, 18% commercio), nel lancio di nuovi prodotti (16% industria, 15% commercio e 17% servizi)  e nell’ampliamento della propria rete commerciale. Ma anche nel marketing (17% industria, 22%  commercio 26% servizi) e nella pubblicità. Una strategia di ampio respiro con obiettivi temporali di
medio periodo che però può rappresentare la differenza, allargando il divario tra chi si è fermato e  chi, invece, ha scelto di rischiare per andare avanti. L’Osservatorio evidenzia infatti che molte  imprese hanno saputo reagire, in particolare le più piccole e giovani, e forse anche grazie alla loro flessibilità nell’adottare correttivi e nuove strategie. Sarà anche per questo che, come indicato nella nota mensile sull’andamento dell’economia italiana dell’ISTAT, si sta osservando una fase di ripresa  delle principali economie internazionali con chiari segnali di miglioramento, che hanno portato molti  Paesi a rivedere al rialzo le previsioni di crescita per l’anno corrente e per il prossimo.

In Italia, ad  esempio, la ripartenza più immediata è attesa per le imprese dell’industria. Per proseguire in questa  direzione e sostenere le aziende servono fondi immediati: questa operazione è pensata proprio per consentire agli imprenditori di accedere alla liquidità necessaria con processi semplici e completamente digitali.
Grazie a questa cartolarizzazione, piccole e medie imprese, potranno richiedere finanziamenti con  durata di 5 anni, di cui il primo anno di preammortamento con inizio di rimborso previsto dal 2022.
Questo con una procedura completamente digitale, una richiesta fatta esclusivamente online su  www.credimi.com, in 2 minuti, da qualsiasi device, 7 giorni su 7, 24 ore su 24, con documenti firmati  digitalmente a fronte di una risposta che arriva in soli 3 giorni.
“Perseveranza è molto importante per Credimi, perché conferma che attori differenti possano unire le  forze per potenziare investimenti e ripresa, anche in quelle aziende piccole e piccolissime che più  difficilmente ottengono le risorse e il supporto professionale necessari per adattarsi alla nuova realtà” – ha dichiarato Ignazio Rocco, Founder e Ceo di Credimi. – “Molte piccole aziende stanno provando a  reinventarsi: poter richiedere in pochi minuti finanziamenti fino a 2 milioni di euro e ottenere in 3 giorni  sia la risposta che il supporto istantaneo di operatori qualificati è un supporto importante per la  ripartenza. Inoltre, come tutte le iniziative di Credimi, Perseveranza convoglia velocemente il risparmio
privato verso l’economia reale, e ne riconosce i frutti: è importante ricordare che Credimi – grazie all’efficienza della propria tecnologia – retrocede costantemente agli investitori più del 60% del rendimento dei propri finanziamenti.

Fonte: Credimi

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X