Unicredit ha reso nota l’emissione di una prima tranche di titoli del Progetto Sandokan 2, che verranno sottoscritti dalla stessa banca oltre che da Pimco e GWM mentre Aurora REcovery Capital (AREC) svolgerà il ruolo di Asset Manager e Special Servicer della cartolarizzazione.

Le note emesse da Yanez SPV, il veicolo di cartolarizzazione del programma Sandokan, hanno un valore complessivo di circa 908 milioni di euro.

Il portafoglio sottostante Sandokan 2 ricomprende al momento finanziamenti ipotecari erogati da UniCredit, principalmente Unlikely to Pay (UTPs), verso 58 controparti ed è destinato ad aumentare nel corso del 2021 con ulteriori contribuzioni, fino ad un importo massimo pari a 2 miliardi di euro di Gross Book Value (GBV).

L’espansione del programma Sandokan permetterà di migliorare il valore futuro dei finanziamenti sottostanti, attraverso una gestione proattiva degli asset dati in garanzia, soluzioni innovative e nuove opportunità di finanziamento, qualora necessarie.

Sandokan 2 è stato ideato sulla base del successo del lancio e della robusta performance del Progetto Sandokan (che ha riguardato un portafoglio di circa 1,3 miliardi di euro di GBV (principalmente UTP), avviato il 9 dicembre 2016) e si basa sulla solida relazione costruita nel corso degli ultimi 5 anni tra UniCredit, PIMCO, GWM ed AREC.

Banca Finint agisce in qualità di Master Servicer, Corporate Servicer, Calculation Agent e Representative of Noteholders nell’ambito della legge n. 130/99 sulla cartolarizzazione. In aggiunta, Banca Finint agisce anche come banca Sponsor di nuova finanza di Yanez SPV, relativamente ai comparti Sandokan e Sandokan 2.

La transazione non comporterà la cancellazione contabile del portafoglio sottostante dal bilancio di UniCredit.

Redazione Credit Village

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X