Scelti per voi

Banca Popolare di Sondrio mette in vendita 1,5 mld di Npl, a valle della richiesta di pulizia dei bilanci della Bce

Banca Popolare di Sondrio ha messo in vendita 1,5 miliardi di euro di Npl, dopo che la Banca Centrale Europea non ha dato il via libera all’acquisizione della Cassa di Cento chiedendo di “dare priorità alle iniziative di derisking già in corso volte alla riduzione dello stock di non performing loan”.

Secondo quanto riferito da Il Messaggero, la cessione  avverrebbe nell’ambito di una cartolarizzazione con Gacs e con l’ausilio dell’arranger Société Générale, la Banca Popolare di Sondrio ha invitato Credito Fondiario, doValue, Prelios e Cerved a formulare un’offerta entro la fine di questa settimana. Le notes senior che saranno acquistate dalla stessa Banca di Sondrio, mentre le mezzanine e le junior verranno collocate sul mercato. 

Da inizio anno lo stock dei crediti deteriorati lordi della banca è sceso a 3,933 miliardi dai circa 4 miliardi di fine dicembre, con l’Npe ratio lordo sceso al 13,65% dal 14,75%. Nel dicembre scorso stava valutando la cessione dell’intero stock di crediti deteriorati e della sua piattaforma di gestione e aveva dato mandato a questo fine all’advisor Oliver Wyman, mentre lo scorso agosto, in occasione della presentazione dei risultati semestrali, la banca aveva annunciato di aver deliberato la cessione di un miliardo di Npl.

Inoltre nel luglio scorso la banca, insieme a Bper, ha perfezionato l’acquisto delle azioni di Arca Holding, messe in vendita nell’ambito dell’asta avviata dai commissari per Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Banca Popolare di Sondrio è così salita al 36,83% del capitale di Arca. Nello stesso mese, la banca ha collocato presso oltre 70 investitori istituzionali, italiani ed esteri, un prestito subordinato Tier 2 da 200 milioni di euro, che ha rafforzato ulteriormente la sua posizione patrimoniale.


Autore:  Valentina Magri
Fonte: BeBeez

Redazione Credit Village

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X