Dalla Redazione

Equitalia, corsa alla rottamazione: ultimo sprint, meno 2 giorni

Ormai il tempo utile per poter aderire alla rottamazione delle cartelle esattoriali sta giungendo agli sgoccioli, nonostante la proroga al 21 aprile 2017. Restano infatti meno di 3 giorni per aderire alla definizione agevolata ed è così scattato l’ultimo sprint alla rottamazione, per poter presentare ad Equitalia la domanda di adesione. Le file, fanno sapere da Roma, sono lunghissime per la mole di richieste presentate, e proseguono anche di notte fuori dagli uffici.

Roma e Lazio restano in testa alle classifiche nazionale, sia sul fronte delle istanze depositate alla società pubblica di riscossione di tributi e sanzioni, sia per il valore lordo degli importi, ossia quello che non è stato ancora interessato dalla rottamazione, che, stando alle stime, si attesta su 1,8 miliardi di euro.

Un vero e proprio record come quello delle domande presentare solo nell’ultima settimana di marzo. Per citare qualche numero solo agli sportelli romani di Equitalia, si è registrato un +29,33% (con 22.005 adesioni fra il 24 e il 31 marzo). Le cartelle vere e proprie sono mezzo milione. Sempre a livello regionale la Capitale rappresenta più dell’85 per cento di domande per un controvalore di poco superiore al miliardo e mezzo di euro.

Cosa si può fare per aderire evitando le code degli ultimi giorni?

Diverse restano le modalità per presentare le domande di definizione agevolata per evitare le lunghe file agli sportelli, la stessa società di riscossione ricorda che si può aderire :

  • inviando per mail o con posta elettronica certificata il modulo (DA1) scaricandolo dall’home page del portale www.gruppoequitalia.it,
  • oppure sull’area riservata del sito credenziali da Inps, Agenzia Entrate, Spid o
  • con l’area web EquiPro: dedicata ai professionisti, commercialisti, avvocati tributaristi, caf e consulenti del lavoro abilitati dall’Agenzia delle Entrate

grazie a tutti gli strumenti informatici messi in campo per tale operazione, dunque, secondo Equitalia i numeri potrebbero ancora salire, nonostante a fine marzo si siano già registrate in tutta Italia 780 mila richieste di rottamazione per un controvalore lordo sulle 502 mila lavorate pari a 8,3 miliardi di euro.

In fin dei conti è stato lo stesso l’amministratore unico di Equitalia Ernesto Ruffini, in audizione alla Camera ha rilevare che l’operazione sta avendo successo in quanto vi sono circa 21 milioni di contribuenti che risultano ad oggi debitori nei confronti di fisco e altri enti.

Condividi articolo...
Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *