Normativa e regolamentazione

Carte di credito: Antitrust vieta i sovrapprezzi per chi paga online

Per i consumatori abituati a comprare on line ed a pagare i propri acquisti con le carte di credito finalmente da oggi non vi saranno più amare sorprese di sovrapprezzi legati al mezzo di pagamento utilizzato. L’Antitrust, autorità garante della concorrenza e del mercato, ha, infatti, applicato per la prima volta l’articolo 62 del codice del consumo che, a decorrere dal 13/6/2014, sancisce il divieto assoluto di imporre spese ai consumatori italiani che utilizzano un determinato mezzo di pagamento per gli acquisti online.

Qualsiasicosto extra imposto a chi faacquisti on lineusando la carta di credito o attraversobonificio in contrassegno è illecito.

Per questa ragione le compagnie aeree low cost Norwegian Air e Blue Air sono state abbondantementesanzionate dall’Antitrust rispettivamente per 250mila e 300mila euro di multa per non avere rispettato la nuova norma del Codice del Commercio. La quale recependo una direttiva europea 2011/83/UE in materia di diritti dei consumatori (Consumer Rights) sancisce, appunto, il divieto assoluto di imporre spese ai consumatori che utilizzano tale metodo di pagamento. La norma si applica non solo al trasporto aereo ma a tutti gli altri settori.

L’applicazione di questo sovrapprezzo configura secondo l’authority una violazione dell’articolo 62 del Codice. L’introduzione di questo divieto nel mercato italiano per tutti i settori economici e non soltanto per il trasporto aereo, aggiunge l’Antitrust, “ è tale da rendere superflua qualsiasi valutazione circa le modalità di presentazione ai consumatori del sovrapprezzo al momento del pagamento con carta di credito”, visto che questa pratica è stata pure sanzionata per il periodo precedente all’entrata in vigore della nuova normativa. Le due compagnie aeree, va precisato per correttezza di informazione, hanno messo in atto, prima della conclusione dei rispettivi procedimenti, con tempistiche differenziate, le misure necessarie per rimuovere le condotte scorrette. I Prezzi, dunque, saranno sempre più trasparenti per i consumatori che comprano on line dopo la pronuncia dell’Antitrust.

Condividi articolo...
Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *