Dalla Redazione Investor, servicer e debt buyer

Si Collection: comunicare e valorizzare il credito è sempre più una questione di strumenti digitali

Le aziende che operano nel processo di gestione del credito hanno sempre di più l’esigenza di sviluppare strumenti di comunicazione in grado di armonizzare i messaggi interni e di aprire il processo alla relazione con i clienti e, più in generale, con l’esterno. Si Collection sta guidando questa evoluzione anche attraverso l’adozione di strumenti digitali come la nuova app di comunicazione sviluppata da Arbul. Ne parliamo con Gianmarco Crismale, co-fondatore di Arbul.

L’app nasce dall’analisi dello scenario, aggravato in questi ultimi anni, che abbiamo visto delinearsi all’interno delle aziende, anche di valorizzazione del credito come Si Collection.

Quali problematiche avete riscontrato in termini di comunicazione?

Le aziende investono, anche molto, nei canali social per promuove i propri servizi e la propria identità. Ma i ritorni di questi investimenti hanno iniziato a ridursi perché sostanzialmente si registra un eccesso di comunicazioni, anche non necessarie e spesso superficiali. Fino a saturare gli utenti finali. Se guardiamo Sanremo in televisione e vediamo solo pubblicità al posto delle canzoni ci annoiamo e cambiamo subito canale. In questo senso, il discorso è analogo: le aziende devono prestare attenzione a quali contenuti creano, a come li condividono e secondo quali strategie. Allo stesso tempo, si assiste a un divario aperto tra i vertici aziendali e le persone interne che, spesso, sono le ultime a sapere le cose o che apprendono le comunicazioni aziendali in modo parziale, a volte anche inquinato da vari passaggi di voce. Un fenomeno che tra smart working e altri aspetti, è andato amplificandosi in questi ultimi anni di pandemia.

E come interviene in questo senso l’app?

Personalizzata con la grafica istituzionale, l’app consente di sviluppare una comunicazione immediata: l’informazione passa in modo diretto, l’utente finale riceve la notifica e si concretizza la relazione in modo semplice proprio come in un social network. L’aspetto innovativo dell’app è quello di rendere le persone interne dei promotori dei contenuti aziendali.

Come funziona?

L’app invia la comunicazione a tutte le persone che lavorano in azienda e che possono, a questo punto, condividerla sui propri canali social personali. In questo modo, si potenziano dei veri e propri influencer all’interno del perimetro aziendale che diventano protagonisti della comunicazione verso l’esterno. Si Collection ha scelto di sviluppare questo tipo di condivisione su Linkedin e di programmare una visione a medio/lungo termine, anche per promuovere la ricerca dei migliori talenti attraverso l’efficacia della comunicazione delle persone che già lavorano in azienda e che diventano veri e propri ambasciatori dei valori interni.

Come potrà evolvere l’app? 

Con l’app è possibile integrare veri e propri strumenti di gamificazione connessi all’attività che le persone interne all’azienda sviluppano con i contenuti. Ogni azione di veicolazione dei contenuti aziendali può, infatti, ricevere like e condivisioni che, attraverso un algoritmo proprietario, possono contribuire a definire una vera e propria classifica interna con eventuali premi secondo modalità scelte dall’azienda.

E più in futuro ancora?

È senz’altro possibile implementare nell’app lo sviluppo di funzionalità in grado di integrare funzioni interne come la timbratura o esterne come il pagamento da debitore a creditore. Diventando, di fatto, parte integrante del processo di gestione del credito, anche verso i procuratori e le aziende clienti.

ARTICOLO PUBLIREDAZIONALE

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X