Dalla Redazione

DBRS: Banche Italiane più esposte al debito sovrano

DBRS ha pubblicato uno studio che analizza le esposizioni sovrane di 8 gruppi bancari italiani e i rischi potenziali per queste banche derivanti da tali esposizioni.
I punti salienti della ricerca sono i seguenti:
– Le banche italiane hanno livelli di esposizioni sovrane più elevati rispetto alla media europea (circa il 16% del totale delle attività, pari a 366 miliardi di euro).
– Sebbene le esposizioni nazionali rappresentino la parte più consistente (7,8% delle attività totali), le banche italiane detengono anche importi significativi di esposizioni sovrane spagnole, francesi e tedesche.
– Dal 2018 le banche italiane hanno spostato le loro esposizioni verso attività classificate al costo ammortizzato, che ora rappresentano la maggior parte delle esposizioni. Ciò ha contribuito a compensare l’impatto negativo sulle riserve di fair value del portafoglio complessivo e a ridurre la sensibilità della base patrimoniale delle banche italiane al rischio di mercato.

“L’aumento dell’inflazione e l’aspettativa di una politica monetaria più restrittiva da parte della BCE hanno determinato un aumento dei rendimenti delle obbligazioni sovrane europee dall’inizio del 2022. Questo fenomeno è stato più evidente nei Paesi dell’Europa meridionale come Grecia, Italia, Portogallo e Spagna. DBRS Morningstar ritiene che le esposizioni sovrane delle banche italiane siano gestibili nonostante l’attuale volatilità del mercato, in quanto negli ultimi anni le banche hanno ridotto le loro esposizioni a livelli più moderati e hanno la maggior parte di esse al costo ammortizzato, che copre i coefficienti patrimoniali dalla volatilità dei prezzi delle obbligazioni”, ha dichiarato Arnaud Journois, vicepresidente del team Global Financial Institutions di DBRS Morningstar.

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X