Dalla Redazione

MPS, nuovo aumento di capitale da 2,5 miliardi

MPS ha diffuso i dettagli del nuovo piano industriale che prevede un aumento di capitale da 2,5 miliardi di euro e circa 4 mila uscite volontarie attraverso il ricorso al fondo di solidarietà, con risparmi annui nell’ordine dei 270 milioni a partire dal 2023 e costi di ristrutturazione per circa 800 milioni. Il nuovo piano conta anche di chiudere 150 filiali, di cui 100 entro il 2024, portando il numero complessivo degli sportelli dell’istituto a circa 1218.

Il consiglio di amministrazione dell’istituto, nell’ambito delle iniziative del “Piano strategico di gruppo 2022-2026”, ha preso atto della disponibilità del ministero dell’Economia e Finanze, titolare di una partecipazione pari al 64,23% del capitale sociale dell’istituto di credito, a “supportare le iniziative sul capitale che la banca assumerà per il rafforzamento patrimoniale nel quadro del Piano strategico 2022-2026”.

Il nuovo piano industriale di Mps prevede di generare un utile ante imposte di 705 milioni di euro nel 2024 e di 909 milioni nel 2026. Il rapporto tra costi e ricavi, grazie anche agli interventi sul personale, scenderà dal 71% del 2021 al 60% nel 2024 e al 57% nel 2026.

Patrizia Grieco, Presidente di Banca Monte dei Paschi di Siena, ha commentato : “Oggi si apre un nuovo capitolo per la nostra Banca, che ritornerà su una traiettoria di sviluppo e riconquisterà un solido livello di capitale, mantenendo la propria autentica identità e raccogliendo gli insegnamenti della sua lunga storia. Il nuovo Piano si fonda su un modello di sviluppo sostenibile per accompagnare la crescita delle diverse realtà locali nei territori in cui operiamo. Ringrazio le strutture della Banca che non hanno mai fatto mancare il loro prezioso supporto anche nei momenti di maggiore complessità”,

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X