Fintech Scelti per voi

Blockchain, nel 2021 record d’investimenti su società cripto

Agli operatori, dai capitalisti di ventura fino ai private equity, che sfruttano la moneta “fiat” piace sempre di più la criptoeconomia. Tanto che è record d’investimenti. La prova? È fornita dai dati di PitchBook, realizzati su richiesta de Il Sole 24 Ore, rispetto a primi otto mesi del 2021. Alla fine di agosto la somma impiegata da Venture Capital, Private Equity ed M&A, a livello globale, ha raggiunto nella cryptoeconomy la cifra di 15,7 miliardi di euro. Si tratta del valore più alto mai toccato nel settore dal 2010 ad oggi. E quindi, visto che il bitcoin è stato “creato” nel 2008, da sempre. Il dato, peraltro, potrebbe fin’anche ssere maggiore: PitchBook (correttamente) non considera le operazioni finanziate, ad esempio, con token digitali. A fronte di un simile contesto può dirsi, quindi, che i volumi d’investimento sono da record.

I capitalisti di ventura

La volata è tirata dai capitalisti di ventura. Questi, attraverso 940 operazioni, hanno impiegato, sempre alla fine dello scorso agosto, 12,5 miliardi. Si tratta di un vero e proprio boom degli investimenti: il precedente valore più alto, dal 2010 ad oggi, era stato raggiunto nel 2018 con 6,6 miliardi. Un po’ diversa, invece, la situazione per il Private Equity e l’attività di M&A. Da un lato, sia nel primo caso (1 miliardo di controvalore) che nel secondo (2,2 miliardi), c’è nel 2021 l’accelerazione delle somme coinvolte rispetto al triennio precedente; dall’altro, però, i valori in oggetto non costituiscono un record. Insomma: è l’attività del Venture Capital che ha ingranato la quinta. C’è da stupirsi? «No -risponde Christian Miccoli, cofondatore di Conio- . Le società della cryptoeconomy, a parte rare eccezioni, sono ancora piccole, delle start up». Realtà riguardo alle quali «le strategie del…

Fonte: Il Sole 24 Ore

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X