Dalla Redazione Normativa e regolamentazione

Mercato secondario Npl: debitori più protetti

Mercato secondario NPL: al termine di una lunga discussione i rappresentanti del Parlamento Ue e quelli del Consiglio hanno trovato un accordo sugli standard comuni vincolanti per il trasferimento di crediti deteriorati dalle banche al mercato secondario.

Le disposizioni assicurano che i debitori non si trovino in condizioni peggiori dopo il trasferimento del loro credito e che gli Stati membri siano in grado di mantenere o introdurre regole più rigide per proteggere i consumatori, spiega una nota del Parlamento Ue.

Le misure concordate rafforzano lo sviluppo di mercati secondari professionali per i crediti originariamente emessi dalle banche, e che si qualificano come non performanti. Le terze parti (gli acquirenti del credito, come i fondi di investimento ad esempio) potranno acquistare gli Npl in tutta la Ue e non creeranno un nuovo credito, ma acquisteranno i crediti deteriorati con il loro rischio esistente. Di conseguenza non avranno bisogno di una autorizzazione speciale ma dovranno rispettare le regole che proteggono i mutuatari.

“Con questa direttiva chiariamo che lo sviluppo di un mercato secondario europeo reale, efficiente e ben regolamentato per gli Npl deve andare di pari passo con tutti gli sforzi possibili da parte dei creditori per rendere il credito nuovamente performante e il più alto livello possibile di protezione per i mutuatari”, ha detto la presidente della commissione econ del Parlamento europeo, Irene Tinagli, convinta che “non possiamo rischiare che la ripresa venga messa a repentaglio da decisioni che penalizzano famiglie e imprese”.

Redazione Credit Village

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X