NPL e crediti deteriorati Scelti per voi

Agos completa cartolarizzazione di crediti al consumo performing da € 1,4 mld

Agos, Società leader nel credito al consumo partecipata del Gruppo Crédit Agricole, ha perfezionato una nuova operazione pubblica di cartolarizzazione di crediti al consumo performing del valore di circa* 1,4 miliardi di euro*, in conformità alla regolamentazione europea sulle cartolarizzazioni “semplici, trasparenti e standardizzate” (STS); si tratta della quarta operazione strutturata dal 2019, secondo tale normativa.

L’operazione è stata realizzata con l’assistenza dei Co-Arrangers Crédit Agricole CIB Milano e Banca Akros, e degli studi legali esterni Allen & Overy e Legance. I titoli senior e mezzanine, emessi dalla Società veicolo Sunrise SPV 92 Srl e quotati sulla Borsa del Lussemburgo, sono stati interamente sottoscritti da Agos, ottenendo un rating da parte di DBRS e Fitch. Un progetto strutturato e ad elevato contenuto tecnico, conclusosi in due mesi di lavoro a distanza, e portato a termine sotto la guida del Direttore Finance e Vice Direttore Generale Vincent Julita, dal team di Gestione Finanziaria, con il Responsabile Sergio Tedeschi e i suoi collaboratori, Federica Casadei, Stefano Leo e Fulvio Bottazzoli.

Con questa operazione Agos continua il proprio percorso di rafforzamento nella diversificazione delle fonti di finanziamento attraverso il rifinanziamento esterno della nota Senior a condizioni vantaggiose.

“La cartolarizzazione ed il suo funding, si inseriscono tra i progetti di rilievo messi a segno da Agos, conclusi quest’anno velocemente e interamente a distanza, grazie al grande lavoro di squadra, alla passione e alle competenze di tutti i colleghi coinvolti” – dichiara Vincent Julita, Direttore Finance e Vice Direttore Generale di Agos.

Fonte: Trend On Line

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X