Dalla Redazione Normativa e regolamentazione

GACs l’italia spinge per un rinnovo

Secondo un’indiscrezione riportata da Reuters, l’Italia starebbe lavorando per estendere di 12 mesi uno schema di garanzia statale progettato per aiutare le banche a liberarsi dei prestiti problematici, a fronte della plausibile crescita significativa delle inadempienze dovuta alla pandemia.

Le autorità si stanno concentrando sul modo migliore per aiutare le banche ad affrontare le ricadute della crisi del coronavirus, una volta che i governi avranno sbloccato le misure straordinarie che hanno adottato per sostenere le imprese.

Secondo fonti vicine al governo sarebbero in corso dei colloqui con le autorità della concorrenza dell’Unione Europea a gennaio per rinnovare il programma, che altrimenti scadrebbe a maggio.

L’Italia ha introdotto la garanzia statale “GACS” nel 2016 per aiutare le banche a far fronte al debito non pagato lasciato da una profonda recessione economica. Nel maggio 2019 l’ha rinnovata per altri due anni, che potrebbero estendersi a tre anni con l’autorizzazione della Commissione Europea, l’esecutivo dell’Unione Europea.

In base allo schema GACS, le banche possono acquistare una garanzia dal Tesoro per avvolgere le banconote meno rischiose quando riconfezionano i crediti inesigibili come titoli per venderli.

Lo schema, che riduce le perdite a cui le banche sono esposte quando espellono i crediti inesigibili, si è dimostrato un successo, spingendo la Grecia a replicarlo con un programma chiamato Hercules.

La società di consulenza KPMG ha dichiarato in aprile che lo schema GACS ha aiutato i finanziatori italiani a completare 25 operazioni da quando è stato introdotto, liberando il settore da 71 miliardi di euro lordi (86 miliardi di dollari) di crediti inesigibili.

Una fonte di mercato ha affermato che la cifra salirà a 80 miliardi di euro entro la fine dell’anno, rappresentando più di un terzo della riduzione complessiva dei crediti problematici detenuti dalle banche italiane negli ultimi quattro anni.

Alessandro Rivera, il direttore generale del Tesoro italiano che ha contribuito all’elaborazione del piano GACS, ha recentemente previsto che la pandemia si aggraverà tra i 60 e i 100 miliardi di euro di prestiti bancari nei prossimi 18 mesi.

Il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha esortato Bruxelles ad aggiornare le regole sugli aiuti di Stato per dare agli Stati membri dell’Unione Europea un margine di manovra per rafforzare le aziende statali, come l’AMCO, che acquistano debiti in sofferenza dalle banche.

 

Redazione Credit Village

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X