Dalla Redazione Normativa e regolamentazione NPL e crediti deteriorati

Commissione Europea, nuovo piano per ridurre NPL

La Commissione Europea ha presentato una strategia per prevenire un futuro accumulo di non-performing loans (NPLs) in tutta l’Unione Europea, come risultato della crisi del coronavirus. La strategia mira a garantire che le famiglie e le imprese dell’UE continuino ad avere accesso ai finanziamenti di cui hanno bisogno per tutta la durata della crisi.

Le banche hanno un ruolo cruciale da svolgere nel mitigare gli effetti della crisi del coronavirus, mantenendo il finanziamento dell’economia. Questo è fondamentale per sostenere la ripresa economica dell’UE. Dato l’impatto che il coronavirus ha avuto sull’economia dell’UE, si prevede che il volume di NPL aumenterà in tutta l’UE, anche se i tempi e l’entità di questo aumento sono ancora incerti. A seconda di quanto rapidamente l’economia dell’UE si riprenderà dalla crisi del coronavirus, la qualità degli attivi delle banche – e a sua volta la loro capacità di prestito – potrebbe deteriorarsi.

Valdis Dombrovskis, Vicepresidente esecutivo per un’economia che lavora per il popolo, ha detto: “La storia ci dimostra che è meglio affrontare i prestiti in sofferenza in modo tempestivo e deciso, soprattutto se vogliamo che le banche continuino a sostenere le imprese e le famiglie. Ora stiamo intraprendendo un’azione preventiva e coordinata. La strategia di oggi contribuirà alla ripresa rapida e sostenibile dell’Europa, aiutando le banche a scaricare questi prestiti dai loro bilanci e a mantenere il flusso del credito”.

Mairead McGuinness, Commissario responsabile per i servizi finanziari, la stabilità finanziaria e l’Unione dei mercati dei capitali, ha dichiarato: “Molte imprese e famiglie sono state sottoposte a una notevole pressione finanziaria a causa della pandemia. Assicurare che i cittadini e le imprese europee continuino a ricevere sostegno dalle loro banche è una priorità assoluta per la Commissione. Oggi proponiamo una serie di misure che, pur garantendo la protezione dei mutuatari, possono contribuire a prevenire un aumento delle NPL simile a quello registrato dopo l’ultima crisi finanziaria”.

Per dare agli Stati membri e al settore finanziario gli strumenti necessari per affrontare tempestivamente un aumento degli NPL nel settore bancario dell’UE, la Commissione propone una serie di azioni con quattro obiettivi principali:

  1. Sviluppare ulteriormente i mercati secondari per le attività in difficoltà: Ciò consentirà alle banche di spostare gli NPL fuori dai loro bilanci, garantendo al tempo stesso un’ulteriore protezione rafforzata per i debitori. Un passo fondamentale in questo processo sarebbe l’adozione della proposta della Commissione sui servizi di credito e sugli acquirenti di crediti, attualmente in discussione al Parlamento europeo e al Consiglio. Queste norme rafforzerebbero la protezione dei debitori sui mercati secondari. La Commissione vede il merito della creazione di un centro di raccolta dati elettronico centrale a livello UE per migliorare la trasparenza del mercato. Tale hub fungerebbe da archivio dati a sostegno del mercato delle NPL per consentire un migliore scambio di informazioni tra tutti gli attori coinvolti (venditori di crediti, acquirenti di crediti, servizi di credito, società di gestione patrimoniale (AMC) e piattaforme private di NPL) in modo che le NPL siano trattate in modo efficace. Sulla base di una consultazione pubblica, la Commissione esaminerebbe diverse alternative per la creazione di un data hub a livello europeo e determinerebbe il modo migliore di procedere. Una delle opzioni potrebbe essere quella di istituire il data hub estendendo il mandato dell’attuale DataWarehouse europeo (ED).
  2. Riformare la legislazione dell’UE in materia di insolvenza delle imprese e di recupero dei crediti: Ciò contribuirà a far convergere i vari quadri normativi in materia di insolvenza in tutta l’UE, pur mantenendo elevati standard di protezione dei consumatori. Procedure di insolvenza più convergenti aumenterebbero la certezza del diritto e accelererebbero il recupero del valore a vantaggio sia del creditore che del debitore. La Commissione esorta il Parlamento e il Consiglio a raggiungere rapidamente un accordo sulla proposta legislativa relativa alle norme di armonizzazione minima per l’esecuzione accelerata delle garanzie extragiudiziali, che la Commissione ha proposto nel 2018.
  3. Sostenere la creazione e la cooperazione delle società nazionali di gestione patrimoniale (AMC) a livello UE: Le società di gestione patrimoniale sono veicoli che forniscono un sollievo alle banche in difficoltà consentendo loro di eliminare le NPL dai loro bilanci. Ciò aiuta le banche a concentrarsi nuovamente sul credito alle imprese e alle famiglie redditizie invece di gestire gli NPL. La Commissione è pronta a sostenere gli Stati membri nella creazione di AMC nazionali – se lo desiderano – ed esaminerà come promuovere la cooperazione attraverso la creazione di una rete europea di AMC nazionali. Mentre gli AMC nazionali sono preziosi perché beneficiano delle competenze nazionali, una rete UE di AMC nazionali potrebbe consentire agli enti nazionali di scambiare le migliori pratiche, applicare gli standard di trasparenza e di dati e coordinare meglio le azioni. La rete di AMC potrebbe inoltre utilizzare il data hub per coordinare e cooperare tra loro al fine di condividere informazioni su investitori, debitori e servicers. L’accesso alle informazioni sui mercati NPL richiederà il rispetto di tutte le norme di protezione dei dati relative ai debitori.
  4. Misure precauzionali: Mentre il settore bancario dell’UE si trova, nel complesso, in una posizione molto più solida che dopo la crisi finanziaria, gli Stati membri continuano ad avere risposte di politica economica diverse. Date le particolari circostanze dell’attuale crisi sanitaria, le autorità hanno la possibilità di attuare misure precauzionali di sostegno pubblico, ove necessario, per garantire la continuità del finanziamento dell’economia reale nell’ambito della direttiva UE sul risanamento e la risoluzione delle crisi bancarie e del quadro degli aiuti di Stato.

Background
La strategia NPL proposta dalla Commissione si basa su un insieme coerente di misure precedentemente attuate. Nel luglio 2017, i ministri delle finanze dell’ECOFIN hanno concordato un primo piano d’azione per affrontare il problema delle NPL.

In linea con il Piano d’azione ECOFIN, la Commissione ha annunciato nella sua comunicazione sul completamento dell’Unione bancaria dell’ottobre 2017 un pacchetto completo di misure per ridurre il livello di NPL nell’UE. Nel marzo 2018, la Commissione ha presentato il suo pacchetto di misure per affrontare gli elevati rapporti NPL.

Le misure proposte comprendevano il dispositivo di protezione contro gli NPL, che imponeva alle banche di costruire livelli minimi di copertura delle perdite per i prestiti di nuova origine, una proposta di direttiva sui prestatori di servizi di credito, sugli acquirenti di crediti e sul recupero delle garanzie reali e il progetto per la costituzione di società nazionali di gestione patrimoniale. Per mitigare l’impatto della crisi del coronavirus, il pacchetto bancario della Commissione dell’aprile 2020 ha attuato modifiche mirate “quick fix” alle norme prudenziali bancarie dell’UE. Inoltre, il Capital Markets Recovery Package, adottato nel luglio 2020, ha proposto modifiche mirate alle regole del mercato dei capitali per incoraggiare maggiori investimenti nell’economia, consentire una rapida ricapitalizzazione delle imprese e aumentare la capacità delle banche di finanziare la ripresa.

Lo strumento per la ripresa e la resilienza (Recovery and Resilience Facility – RRF) fornirà anche un sostegno sostanziale alle riforme volte a migliorare il quadro giudiziario, amministrativo e di insolvenza e a sostenere un’efficiente risoluzione delle NPL.

 

 

Redazione Credit Village

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X