Banche e Imprese Dalla Redazione NPL e crediti deteriorati

EBA: NPL Ratio stabili, ma la qualità del credito inizia a deteriorarsi

L’Autorità Bancaria Europea (EBA) ha pubblicato il suo dashboard trimestrale che copre i dati del secondo trimestre 2020 e che riassume i principali rischi e vulnerabilità del settore bancario dell’UE.

Mentre i coefficienti patrimoniali hanno tenuto bene, vi sono indicazioni che la crisi abbia iniziato ad avere un impatto sulla qualità degli attivi. Con l’aumento del costo del rischio, la redditività ha continuato la sua tendenza al ribasso.

Il CET1 ratio  fully loaded è aumentato di 30bps arrivando al 14,7% e recuperando circa la metà del calo del primo trimestre. L’aumento dei coefficienti patrimoniali è stato sostenuto da una contrazione degli attivi ponderati per il rischio (RWA), dovuta, tra l’altro, a misure regolamentari come le modifiche del fattore di sostegno alle PMI.

L’indice di leva finanziaria si è leggermente ridotto, dal 5,2% nel primo trimestre al 5,1%, a pieno carico, trainato da un aumento degli attivi totali. La tendenza al ribasso dei RWA, nonostante l’aumento del totale attivo, indica anche che le ponderazioni di rischio delle nuove esposizioni tendono ad essere più basse, come ad esempio per i depositi presso le banche centrali e i prestiti garantiti, che sono stati i fattori chiave per l’aumento dei prestiti e delle anticipazioni nel 2° trimestre.

Le sofferenze (NPL) hanno invertito il trend di riduzione pluriennale, registrando un lieve incremento nell’ultimo trimestre. Tuttavia, a causa dell’aumento del totale dei crediti, il rapporto sofferenze/impieghi è rimasto pressoché stabile. Il forbearance ratio è leggermente aumentato, passando dall’1,9% del primo trimestre al 2,0%.

L’impatto dell’aumento delle esposizioni debitorie è stato attenuato da un aumento quasi analogo del totale dei crediti. Anche il costo del rischio resta elevato in questo trimestre. La quota dei crediti in fase 2 è passata dal 7% nel primo trimestre all’8,2% nel secondo trimestre. In prospettiva, la qualità degli attivi rimane un rischio fondamentale nel contesto della crisi in corso relativa alla Covid-19.

Il rendimento del capitale proprio (RoE) è sceso ulteriormente allo 0,5% dall’1,3% del primo trimestre. Mentre le svalutazioni sono state il fattore chiave per la contrazione della redditività, anche il margine di interesse, così come le commissioni e i proventi da commissioni sono diminuiti. Il cost to income ratio (CIR) è diminuito significativamente dal 71,8% al 66,7%. L’aumento delle rettifiche di valore rimarrà presumibilmente un elemento chiave per la redditività delle banche, con le sovrapposizioni di svalutazione Covid-19 che svolgono un ruolo di primo piano.

Anche i ricavi potrebbero rimanere sotto pressione, trainati dal prolungato contesto di bassi tassi di interesse e da nuovi prestiti assistiti da garanzia pubblica, presumibilmente concessi a tassi più bassi rispetto ad analoghi prestiti non garantiti.

Una recrudescenza di possibili sanzioni per violazione di adempimenti regolamentari rimane un rischio considerevole anche durante la crisi.

Le banche potrebbero anche dover affrontare sfide legate ai costi di ristrutturazione o alla necessità di investimenti nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) per tenere il passo della crescente importanza del digital banking.

Nota Metodologica

I dati inclusi nel dashboard Rischi si basano su un campione di 147 banche, che coprono oltre l’80% del settore bancario dell’UE (per attività totali), al massimo livello di consolidamento, mentre gli aggregati per paese includono anche le grandi filiali (l’elenco delle banche è disponibile qui). I prestiti della fase 2, come sopra indicato, sono esposizioni per le quali il rischio di credito è aumentato significativamente dopo la loro rilevazione iniziale.

Fonte EBA

Redazione Credit Village

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X