Dalla Redazione NPL e crediti deteriorati

DBRS: Downgrade per le note di Classe A di Siena NPL 2018

DBRS Ratings Limited (DBRS Morningstar) ha abbassato il rating delle Class A notes emesse da Siena NPL 2018 S.r.l. (l’Emittente) a BB (high) (sf) da BBB (sf) e ha assegnato un trend Negativo. Contestualmente, DBRS Morningstar ha rimosso dalle note lo status di Under Review con Implicazioni Negative, che è stato assegnato l’8 maggio 2020 e mantenuto il 6 agosto 2020.

Nel complesso l’operazione prevede l’emissione di note di Classe A, Classe B e Classe J e di una cedola staccabile di Classe X (collettivamente, le Note). Il rating delle Note di Classe A è relativo al pagamento tempestivo degli interessi e al pagamento finale del capitale alla data di scadenza finale del 2047 o prima di tale data. DBRS Morningstar non valuta le classi B, J nè  la cedola di Classe X.

Al momento dell’emissione, le Note erano garantite da un portafoglio di 24,1 miliardi di euro al valore lordo contabile (Gross Book Value – GBV) costituito da un pool misto di crediti non performing residenziali, commerciali e chirografari italiani originati da Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A., MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. e Monte dei Paschi di Siena Leasing.

Credito Fondiario S.p.A. (Credito Fondiario), Italfondiario S.p.A., Juliet S.p.A. (Juliet) e Prelios S.p.A. (collettivamente, gli Special Servicer) agiscono come special servicer di questa operazione. Credito Fondiario S.p.A. opera anche in qualità di master servicer dell’operazione.

LOGICA DI VALUTAZIONE
Il rating downgrade segue ad una recente reviewdell’operazione e si basa sulle seguenti considerazioni analitiche:

  •  Andamento dell’operazione: valutazione dei recuperi di portafoglio al 30 giugno 2020, con particolare attenzione: (1) un confronto tra gli incassi effettivi e le previsioni iniziali del business plan dei servizi speciali; (2) l’andamento degli incassi osservato negli ultimi sei mesi, compreso il periodo successivo all’insorgenza del Coronavirus (COVID-19); e (3) un confronto tra l’andamento attuale e le aspettative di DBRS Morningstar.
  • Il business plan aggiornato dell’attività di recupero, con nuove proiezioni a partire dal 30 giugno 2019, ricevuto nell’agosto 2020, e il suo confronto con le aspettative iniziali di raccolta.
  • Caratteristiche del portafoglio: composizione del pool di prestiti a giugno 2020 ed evoluzione delle sue caratteristiche principali dall’emissione.
  • Struttura di liquidazione dell’operazione: l’ordine di priorità comporta un ammortamento completamente sequenziale dei titoli (cioè, i titoli di Classe B inizieranno ad ammortizzarsi a seguito del rimborso integrale dei titoli di Classe A, mentre i titoli di Classe J inizieranno ad ammortizzarsi a seguito del rimborso dei titoli di Classe B).
  • Indici di performance ed eventi di underperformance: secondo l’ultimo rapporto di pagamento del luglio 2020, tutti i servicer, ad eccezione di Prelios, hanno violato l’Evento della Special Servicer Subordination Fee Fee e il 10% delle loro commissioni al di sopra della commissione base è subordinato nella priorità dei pagamenti, mentre il Mezzanine Notes Trigger non si è verificato.
  • Supporto di liquidità: l’operazione beneficia di una riserva di liquidità ammortizzata che fornisce liquidità alla struttura e copre il potenziale deficit di interessi sulle banconote di Classe A. L’importo obiettivo della riserva di liquidità è pari al 3,5% del capitale delle Class A notes in circolazione ed è attualmente interamente finanziata.

Secondo l’ultima relazione degli investitori del luglio 2020, l’ammontare del capitale in circolazione delle obbligazioni di Classe A, Classe B e Classe J era rispettivamente pari a 1.969,5 milioni di euro, 865,6 milioni di euro e 565,0 milioni di euro. Il saldo delle obbligazioni di Classe A è stato ammortizzato di circa il 32,5% dall’emissione. L’attuale saldo aggregato delle operazioni è pari a 3.400,2 milioni di euro.

A giugno 2020, l’operazione ha registrato una performance inferiore del 38,8% rispetto alle previsioni iniziali realizzate dagli Special Servicer. Gli incassi lordi cumulati effettivi sono stati pari a 1.596,0 milioni di euro nel giugno 2020, a fronte di un business plan che prevedere incassi cumulati lordi per 2.608,3 milioni di euro per lo stesso periodo.

Tuttavia, in fase di emissione, DBRS Morningstar aveva stimato, nello scenario di stress BBB (sf), un incasso lordo cumulato di 805,7 milioni di euro per lo stesso periodo. Pertanto, a partire da giugno 2020, l’operazione si sta svolgendo al di sopra delle iniziali aspettative di stress di DBRS Morningstar.

Nell’agosto 2020, DBRS Morningstar ha ricevuto un business plan rivisto preparato dagli Special Servicers, come previsto dalla documentazione originale dell’operazione. In questo business plan aggiornato, gli Special Servicers hanno ipotizzato recuperi inferiori alle aspettative iniziali. Il totale degli incassi lordi cumulati del business plan aggiornato è pari a 6.247,5 milioni di euro, inferiore dell’11,8% rispetto ai 7.086,6 milioni di euro previsti nel business plan iniziale.

Senza considerare gli incassi effettivi, le previsioni di recupero degli Special Servicer a partire da luglio 2020 sono state portate a a 4.528,8 milioni di euro. L’aggiornamento del rating DBRS Morningstar BB (high) (sf) si basa sull’ipotesi di una riduzione del 25,0% rispetto agli ultimi business plan forniti dagli special servicer.

La data di scadenza finale dell’operazione è il gennaio 2047.

Il coronavirus e le conseguenti misure di isolamento hanno determinato una forte contrazione economica, un aumento dei tassi di disoccupazione e una riduzione delle attività di investimento. DBRS Morningstar prevede che gli incassi nelle cartolarizzazioni di crediti in sofferenza (NPL) europei saranno ridimensionati nei prossimi mesi e che il deterioramento delle condizioni macroeconomiche potrebbe influire negativamente sui recuperi da NPL e sulle relative garanzie immobiliari.

Il rating si basa su ulteriori analisi e aggiustamenti della performance attesa a seguito degli sforzi globali per contenere la diffusione del coronavirus. Per questa operazione, DBRS Morningstar ha ipotizzato un moderato calo a medio termine dei prezzi degli immobili, ma ha dato parziale credito agli aumenti dei prezzi delle case dal 2023 in poi in scenari di stress da rating non da investimento. DBRS Morningstar ha aggiornato il suo flusso di cassa lordo stimato (da luglio 2020 in poi) nello scenario BB (high) (sf) a 3.395 milioni di euro (uno sconto del 25,0% rispetto al piano aziendale dei servicer aggiornato di 4.529 milioni di euro).

Il 16 aprile 2020, DBRS Morningstar ha pubblicato una serie di scenari macroeconomici per il periodo 2020-22 in economie selezionate, che sono stati aggiornati per l’ultima volta il 10 settembre 2020.

La principale metodologia applicabile al rating è: “Master European Structured Finance Surveillance Methodology” (22 aprile 2020).

DBRS Morningstar ha applicato la metodologia principale in modo coerente e ha condotto una revisione della transazione in conformità con la metodologia principale.

Non è stata effettuata una revisione dei documenti legali dell’operazione in quanto i documenti legali sono rimasti invariati rispetto alla più recente aggiornamento del rating che su questa operazione ha avuto luogo il 6 agosto 2020, quando DBRS Morningstar ha mantenuto lo stato di Under Review con Implicazioni Negative sulle note di Classe A.

Per valutare l’impatto della modifica dei parametri della transazione sul rating, DBRS Morningstar ha considerato i seguenti scenari di stress, rispetto ai parametri utilizzati per determinare il rating (il caso di base):

  • Tassi di recupero utilizzati: Importo cumulativo di recupero di base case di circa 3.395,0 milioni di euro al livello di stress BB (high) (sf), una diminuzione del 2,5%, 5% e 10% del tasso di recupero di base case.
  • DBRS Morningstar conclude che un’ipotetica diminuzione del Recovery Rate del 2,5%, ceteris paribus, porterebbe a un declassamento delle note di Classe A a BB (sf).
  • DBRS Morningstar conclude che un’ipotetica diminuzione del Recovery Rate del 5%, ceteris paribus, porterebbe ad un declassamento delle note di Classe A a BB (basso) (sf).
  • DBRS Morningstar conclude che un’ipotetica diminuzione del Recovery Rate del 10%, ceteris paribus, porterebbe ad un declassamento delle note di Classe A a B (sf).

Generalmente, le condizioni che portano all’assegnazione di un trend negativo o positivo vengono generalmente risolte in un periodo di 12 mesi. Le prospettive e i rating di DBRS Morningstar sono monitorati.

I rating assegnati da DBRS Ratings Limited sono soggetti solo alle normative UE e statunitensi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X