Dalla Redazione Investor, servicer e debt buyer

Axactor Italy: il fatturato dei primi nove mesi 2019 chiude a 16,8 milioni di euro registrando una crescita di oltre il 107% rispetto allo stesso periodo del 2018

ARTICOLO PUBLIREDAZIONALE

Axactor Italy, parte del Gruppo Internazionale Axactor SE, player di
riferimento nel mercato italiano del Credit Management con oltre vent’anni di esperienza nel settore, comunica di aver chiuso i primi nove mesi del 2019 con un fatturato pari a Euro 16,8 milioni, in crescita di oltre il 107% rispetto al 30 settembre 2018. Il solo Q3 2019 invece ha fatto registrare un fatturato pari a circa Euro 5,5 milioni, con una crescita di oltre il 151% rispetto allo stesso periodo del 2018.

Il terzo trimestre del 2019 è stato caratterizzato da una forte crescita del business caratteristico e dall’ingresso deciso in nuovi settori.

Per sostenere la crescita, Axactor Italy ha lavorato sia sul piano finanziario che su quello delle risorse umane.

Dal punto di vista finanziario, Axactor Italy ha ottenuto il rinnovo di linee di credito da parte di 7 istituti finanziari che operano nel territorio piemontese ed italiano. Il rinnovo degli affidamenti è avvenuto alla fine di un roadshow dedicato, durante il quale i managers dell’azienda hanno presentato gli ambiziosi e sostenibili piani di crescita che vedranno la società giocare un ruolo da protagonista nel mercato italiano dell’acquisto di portafogli NPL e nella gestione crediti per conto terzi. Queste disponibilità finanziarie si aggiungono a quelle già in essere e a quelle messe a disposizione dal Gruppo Axactor e finalizzate a sostenere lo sviluppo costante delle countries in cui opera – Italia, Finlandia, Germania, Norvegia, Svezia e Spagna.

Per quanto riguarda le risorse umane, considerate uno dei fattori strategici per l’azienda, al fine di sostenere la crescita attuale ed impostare quella futura, Axactor Italy ha aumentato le figure all’interno della divisione Operations, per far fronte all’incremento della mole lavorativa.

Nel Q3 nel management team di Axactor Italy è entrato Fortunato Pagano in qualità di Head of Sales, responsabile della gestione di tutte le attività legate al marketing e al sales, tra le quali il coordinamento delle relazioni con i principali clienti, la supervisione e la definizione degli obiettivi e delle strategie dell’attività commerciale.

Antonio Cataneo, Ceo di Axactor Italy ha così commentato: “Da sempre la nostra forza sono le persone che lavorano in Axactor e per questo abbiamo deciso, fin da subito, di investire risorse ed energie nella loro crescita sia numerica che professionale, collaborando anche con persone provenienti da settori diversi e adottando un modello organizzativo che favorisca la collaborazione tra i membri del team. I risultati ci stanno dando ragione, come confermano anche i numeri in crescita del trimestre, che si allineano a quella dei mesi precedenti. Oltre alle risorse umane, la nostra strategia per il futuro punta a focalizzarsi maggiormente sull’allargamento delle asset class per quanto riguarda l’acquisto di portafogli, per andare oltre l’attuale specializzazione nel segmento dell’unsecured. Inoltre, stiamo lavorando per aumentare know-how e skills per agire come servicer a fianco di importanti banche e istituzioni finanziarie, assicurative, leasing e nel mondo corporate, per fornire loro una gestione completa di tutti i loro portafogli, dagli UTP alle sofferenze”. Positivi anche i risultati della Capogruppo Axactor SE che, al 30.09.2019, registra un fatturato consolidato pari ad Euro 269,3 Milioni in crescita del 65% rispetto all’anno precedente ed EBITDA pari a Euro 68,3 Milioni, più che raddoppiando la performance rispetto allo stesso periodo dell’anno 2018.

Per scaricare la versione integrale del comunicato stampa clicca qui.


Fonte: axactor Italy

 

Redazione Credit Village

Credit Village è oggi il punto di incontro e riferimento - attraverso le sue tre aree, web, editoria, eventi - di professionisti, manager, imprenditori e operatori della gestione del credito. Nasce nel 2002 con l’intento di diffondere anche in Italia, così come avveniva nel mondo anglosassone, la cultura del Credit e Collection Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X