Credito e consumatori Dalla Redazione

Pensioni e TFR, parte il recupero crediti degli indebiti

Dall’Inps arrivano le indicazioni per il recupero crediti degli indebiti derivanti da pensionie trattamenti di fine rapporto (TFS/TFR). Nella circolare pubblicata lo scorso 19 marzo, l’Inps riassume le procedure previste dal nuovo regolamento, approvato il 26 luglio 2017, che ha rivisitato criteri, termini e modalità di recupero. La prima parte della circolare fornisce un quadro complessivo del sistema normativo degli indebiti (tenendo conto di tutte le gestioni confluite in Inps e ricondotte per sintesi a ‘Gestione Privata’ e ‘Gestione Pubblica’); la seconda parte è dedicata al procedimento di recupero degli indebiti secondo quanto previsto dal nuovo Regolamento che persegue i seguenti obiettivi:

  • semplificare e razionalizzare le procedure di recupero, in ossequio al principio di economicità dell’azione amministrativa, fissando in via di principio un ordine di prevalenza tra le diverse forme di recupero;
  • ricondurre le modalità di recupero a criteri predefiniti secondo parametri distinti in ragione delle tipologie di prestazioni indebite e delle condizioni socio-economiche dei percettori, contraendo i margini di discrezionalità da parte delle Strutture territoriali;
  • ridurre le tempistiche di recupero secondo logiche di breve/medio periodo in ragione della peculiare natura degli stessi.

Il regolamento stabilisce anche i criteri, i termini e le modalità di gestione del recupero dei crediti Inps nelle fasi antecedenti l’iscrizione a ruolo del lavoratore.

Impostazione del piano di recupero: il processo di gestione degli indebiti è demandato ad una piattaforma informatica dedicata, detta “RI”. Stante il calcolo della trattenuta, l’operatore può anche valutare la possibilità di azzerare l’intero importo della pensione sulla quale è impostato il piano di recupero, nel rispetto del limite del quinto e della salvaguardia del trattamento minimo da calcolare sulla sommatoria degli importi pensionistici erogati al soggetto debitore.

Condividi articolo...
Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *