Credito e consumatori

Prestiti per neoassunti: a chi e quali condizioni vengono concessi?

I prestiti per neoassunti sono dei prodotti creditizi che non sono direttamente collegati all’acquisto di un bene o di un servizio, rientrano dunque tra quei prestiti che consentono di richiedere liquidità da utilizzare per soddisfare i propri bisogni come uno meglio crede. Rientrano altresì nella vasta categoria dei prestito personali richiedibili sia online che in banca.

I prestiti per giovani lavoratori sono generalmente concessi dagli istituti di credito solo a fronte di alcune garanzie e requisiti specifici offerti dal richiedente. Andiamo quindi ad analizzare quali sono le garanzie che vengono richieste dalle banche al fine della concessione del prestito.

Prestiti per neoassunti: chi può richiederli?

I prestiti per i neoassunti così come quelli senza busta paga o per i protestati non sono ovviamente semplicissimi da ottenere, il timore degli istituti di credito è quello di non poter poi nel tempo recuperare il proprio credito. Questo tipo di prodotto creditizio rientra tra quelli maggiormente rischiosi per l’istituto bancario che si trova a erogare il capitale richiesto a fronte di una situazione economica/lavorativa instabile del giovane lavoratore. Proprio per questa ragione le banche e le società che concedono tale servizio, al fine di tutelarsi, tendono ad essere particolarmente scrupolosi e rigidi prima di varare le richieste di pagamento da parte dei neoassunti. I criteri valutati sono:

  • un’età pari o superiore ai 18 anni;
  • Il secondo requisito è quello del rapporto rata/reddito. Generalmente al neoassunto viene concesso un prestito quando la rata del finanziamento non supera più di 1/3 delle sue entrate mensili, al netto di eventuali altre rate;
  • In terzo luogo, la banca provvederà a verificare la tipologia di impiego del lavoratore neoassunto

Gli istituti di credito tendenzialmente concederanno con maggiore facilità un prestito ad un giovane che ha già maturato 6/8 mesi di lavoro e che ha dalla sua un contratto sicuro, a tempo indeterminato. Inoltre, come per tutte le altre tipologie di prestiti, verrà verificata l’affidabilità creditizia del giovane lavoratore. Si andrà a valutare se il neoassunto abbia in passato estinto con puntualità i finanziamenti pregressi o meno, al fine di comprendere se la società ha dinanzi un ex cattivo pagatore o un debitore affidabile.

 

Condividi articolo...
Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *