Dalla Redazione

Cos’è il prestito chirografario e chi può richiederlo?

Il prestito cosiddetto chirografario è un prestito per il quale l’istituto bancario al quale ci si rivolge per l’approvazione del finanziamento non pretende altro che la semplice firma del richiedente. A rientrare in tale categoria vi è, ad esempio, il prestito personale, anche la cessione del quinto dello stipendio o la cessione del quinto della pensione possono essere comunque considerati prestiti chirografari.

Per un prestito chirografario non serve dunque alcun genere di garanzia. Il richiedente deve solamente fornire all’istituto di credito al quale intende rivolgersi le ragioni che lo spingono a richiedere un prestito, che comunque, non può essere eccessivo. In quanto si possono chiedere solo somme limitate per soddisfare acquisiti o bisogni non eccessivamente onerosi. Elettrodomestici, automobili: sono questi gli acquisti che possono essere pagati con un prestito chirografario. Una cosa importante da sottolineare riguarda il fatto che, nel caso in cui non dovessero essere pagate alcune rate, la banca non ha la possibilità di aggredire il bene acquistato con il denaro erogato.

Da chi può essere richiesto?

Il prestito chirografario è la formula ideale per un lavoratore dipendente o indipendente che ha necessità di una somma di denaro esigua per effettuare un acquisto. Questa formula è anche utilizzata spesso da più soggetti che devono effettuare un acquisto in comune o che, magari, devono svolgere un lavoro, si pensi ad alle spese condominiali.

 

Come si può fare domanda?

Inoltrare la richiesta per un prestito chirografario è piuttosto semplice. Addirittura, in alcuni casi, la domanda può essere formulata anche on line. Non implicando alcun genere di ipoteca sugli immobili, infatti, prevede una procedura molto snella e decisamente rapida. Per richiedere un prestito chirografario è sufficiente recarsi presso la banca a cui si intende inoltrare la richiesta e presentare tutta la documentazione necessaria. Oltre a tale documentazione, è fondamentale avere con sé un documento di identità in corso di validità e il proprio codice fiscale

 

 

Condividi articolo...
Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *